supergaSuperga è un marchio registrato che nasce a Torino il 3 ottobre 1911, quando la società Anonima per Azioni Walter Martiny inizia a produrre calzature con suola in gomma marchiate “Superga”.
Nel 1929 inizia la produzione di calzature in tela con fondo in gomma vulcanizzata. Nel 1934 Superga annovera decine di modelli di calzature destinate alle pratiche sportive (tennis, pallacanestro, yachting, ginnastica).
Dopo la seconda guerra mondiale, Superga riprende la produzione e si concentra principalmente nella fabbricazione di calzature. Nel 1951 la fusione con Pirelli SpA, socio di maggioranza, fa aumentare la produzione in maniera vertiginosa: tra il 1952 e il 1975 le paia di scarpe prodotte passano da 2 a 12 milioni.
Dal 1975, risentendo della nuova crisi che colpisce il mercato italiano, Superga si specializza nella fabbricazione di articoli sportivi e nel 1981 debutta ufficialmente nel campo dell’abbigliamento sportivo.
Nel 1993 Superga si stacca da Pirelli SpA e confluisce nel gruppo So.PA.F. Per Superga sono anni difficili.
Dal febbraio 2004 la Basic Net possiede la licenza mondiale per produrre e distribuire i prodotti Superga e dal 2007 è proprietaria del marchio. La sede storica di Torino, i negozi monomarca e gli stabilimenti vengono chiusi.
Nel 2011 BasicNet sigla un importante accordo con Steve Madden, celebre stilista di scarpe statunitense (il cui gruppo è quotato all’American Stock Exchange) che diventa distributore esclusivo per il mercato statunitense, canadese e messicano del marchio Superga. [Fonte Wikipedia]

Le scarpe Superga sono scelte da donne qualunque, modelle e attrici da anni, vediamo qualche esempio:
superga (1)
superga (3)
superga (4)
superga (5)
superga (6)
superga (7)
superga (8)
superga (9)

Non sono soltanto scarpe sportive, sono una moda, una tendenza, senza essere eccessive e senza costare centinaia di euro! Sono comode, pratiche, versatili e colorate! Non solo i modelli classici in tinta unita, ma anche quelle più particolari e con stampe ricercate o borchie.

superga (10)
superga (11)
superga (12)
superga (13)

Io ne ho due paia, una nera e una bianca, ma ormai sono praticamente distrutte da quanto le ho portate! Per altro sono tra le pochissime scarpe in share con mia madre! Per quelle che proprio non vogliono rinunciare ai tacchi, c’è anche la versione taccata! Io non le metterei mai, ma vorrei trovare la versione bassa di quella nella foto qui sotto con la stampa effetto pizzo!superga (14) superga (15)

basilica-supergaMa Superga è anche il nome di uno dei colli più alti della collina di Torino, sul quale è edificata l’omonima basilica, e sul quale il 4 maggio 1949 avvenne la tragedia nella quale persero la vita i giocatori del Grande Torino. Alle ore 17:03 il Fiat G.212 della compagnia aerea ALI siglato I-ELCE con a bordo l’intera squadra del Grande Torino si schiantò contro il muraglione del terrapieno posteriore della Basilica di Superga, che sorge sulla collina torinese. L’aereo stava riportando a casa la squadra da Lisbona, dove aveva disputato un incontro amichevole con il Benfica per una festa in omaggio del capitano della squadra lusitana José Ferreira. Nell’incidente perse la vita l’intera squadra del Torino, vincitrice di cinque scudetti consecutivi dalla stagione 1942-1943 alla stagione 1948-1949 e che costituiva la quasi totalità della Nazionale italiana.

390px-Toro_eandiL’aereo, eseguita la virata verso sinistra, messo in volo orizzontale e allineato per prepararsi all’atterraggio, si va invece a schiantare contro il terrapieno posteriore della Basilica di Superga. Il pilota, che credeva di avere la collina di Superga alla sua destra, se la vede invece sbucare davanti all’improvviso (velocità 180 km/h, visibilità 40 metri) e non ha il tempo per fare nulla: non si ravvisano infatti, dalla disposizione dei rottami, tentativi di riattaccata o virata. L’unica parte del velivolo rimasta parzialmente intatta è l’impennaggio. Delle 31 persone a bordo non si salvò nessuno.
Attualmente i resti dell’aereo, tra cui un’elica, uno pneumatico e pezzi sparsi della fusoliera, ma anche le valigie di Mazzola, Maroso ed Erbstein, sono conservate in un museo di Grugliasco alle porte di Torino. Il Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata, ospitato nella prestigiosa Villa Claretta Assandri di Grugliasco, è stato inaugurato il 4 maggio 2008 anniversario della tragedia.

Come ogni anno, il 4 maggio vi sarà una messa commemorativa proprio sul colle di Superga.

Avete mai visitato Superga? Vi piacciono le Superga?
♥♦ Baci ♣♠

Annunci