Buongiorno! Voglio mostrarvi un articolo apparso sabato 2 giugno sul Corriere della Sera, in seconda o terza pagina, non ricordo bene, anche perché leggo la digital-edition per iPad.

Posto questo articolo per dare un po’ di speranza a tutti coloro che, come me, si stanno facendo un culo tanto per studiare, sacrificando gli anni più belli, facendo rinunce e spese (economiche e di fegato) per completare un ciclo di studi.

Il mio vuole essere anche un invito a quelle persone che stanno finendo adesso la scuola superiore e che non sanno ancora cosa fare della propria vita, il mio consiglio spassionato è: STUDIATE! Se potete studiate! Non è tempo perso, vi frutterà un giorno, si spera! E non diciamo che è inutile, che non ti forma, perché l’università è una scuola di vita, ti insegna a stare al mondo, ti fa capire che un giorno troverai il capo stronzo che cercherà di metterti i bastoni tra le ruote, ti fa capire che spesso i colleghi ti sorridono, ma se potessero ti inculerebbero e ti fa capire cosa sia la burocrazia e che tempi abbia!

Parlo come una vecchietta, lo so, ma do ripetizioni e quindi sono spesso a contatto con i giovincelli di oggi e vi assicuro che a volte fanno davvero dei discorsi che mi fanno rizzare i capelli! “Voja ad lavurà saltam a dos”.

Ed ecco l’articolo, cliccando sull’immagine si ingrandirà:

ingegneri

♥♦ Baci ♣♠

Annunci