Buongiorno care, anche quest’anno il Cosmoprof è passato velocissimo e l’ho condiviso sempre con le mie adorate compagne di avventura: Franci, Fefy, Marty e Manu. Ci siamo incontrate direttamente in fiera, perché arrivavamo con tre treni diversi a tre orari diversi ovviamente.

1_cosmo
Le Piemontesine belle

Quest’anno il mio post sul Cosmoprof 2018 sarà abbastanza rapido, non scenderò nel dettaglio di tutte le bustine di campioncini come lo scorso anno [info Cosmoprof2017], ma vi farò vedere le cose che mi hanno maggiormente colpita e con cosa sono tornata a casa.

Innanzi tutto il tema dell’anno è: l’anti inquinamento! Non solo le case automobilistiche stanno cercando di adeguarsi alle nuove normative previste dal 2020, ma anche le case di cosmesi evidentemente ci mettono del loro. Abbiamo visto ovunque un proliferare di sieri, creme e detergenti anti-pollution. Le nostre vite sono inquinate, disintossichiamole anche col make-up!

Uno degli stand che mi è piaciuto maggiormente è quello di MOR, un’azienda australiana con prodotti dai profumi frizzanti e moderni e uno stand deliziosamente floreale.

dav
MOR

Foreo quest’anno in fiera ha portato la sua novità UFO, ovvero uno strumento attraverso il quale applicare la maschera visto in tessuto: la maschera non copre più l’intero viso e non deve stare in posa 20 minuti, ma c’è un dischetto di diametro ridotto che si applica sullo strumento e si passa su tutto il viso, variando il colore della luce emessa e la temperatura a seconda del tipo di maschera e della funzione che si vuole sfruttare. Strumento interessante, ma a un prezzo proibitivo (279€).

dav
Foreo Ufo

Ho incontrato un marchio conosciuto anni fa proprio al Cosmoprof: Greenland, con la sua serie di prodotti fruttati, con packaging essenziale, ma elegante. Le profumazioni sono sempre ottime e i loro prodotti mi piacciono tanto [qui la review dello scrub-gommage al lime]. La novità erano i detergenti in mousse, di cui on abbiamo avuto campioni purtroppo, ma so che saranno in vendita nei Lillapois.

dav
Greenland

A differenza degli anni scorsi, quest’anno le aziende francesci proliferavano e alcune proponevano un ibrido tra Francia e Giappone, come ad esempio Inuwet, con i balm e le maschere con personaggi giapponesi e unicorni.

Un’altra cosa interessante che ho visto ampiamente sono le maschere per tutte le parti del corpo. Accanto alle solite maschere viso, occhi, contorno occhi, contorno labbra, mani e piedi (e già potevano essere abbastanza), quest’anno abbiamo visto un proliferare di maschere gambe, maschere pancia e maschere tette. Ovviamente non potevo esimermi dal compare una maschera tette, perché nonostante non credo abbiano ancora bisogno né di sostegno, né di essere più elastiche, meglio provare qualcosa… Ho aggiunto anche una maschera gambe, così potrò sentirmi il gatto con gli stivali.

sdr
Maschere

Nel campo maschere, una certezza resta sempre lo stand di Kocostar, dove non ci siamo fatte mancare l’annuale selfie coi Koreani.

Aloe is the new black già da un sacco di anni e quest’anno si è riconfermato tale. Molti sono stati gli stand a proporne l’utilizzo, tra cui Infinite Aloe, che ci ha omaggiato di un sample della loro costosissima crema da più di 500€, che sembra la manna dal cielo, ma che a me dava un pizzichio sulla mano, probabilmente per la presenza tra gli ingredienti di numerose erbe, una delle quali non deve piacere particolarmente alla mia pelle.

Una bella riconferma dall’anno passato è stato lo stand di Poesia21, che è stato uno dei marchi che ho scoperto nel Cosmoprof 2017 e che mi piace davvero tanto. Quest’anno si è rinnovato con i lip balm da 15ml e, grande novità, ha aperto un negozio fisico a Firenze proprio pochi giorni prima del Cosmoprof. Si conferma il loro packaging bellissimo, con forme particolari e stilose e le frasi letterarie.

dig
Poesia21

Sempre in tema Cosmo-Prime, ci siamo soffermate a guardare una maschera viso lilla da Omorfee, azienda tedesca-indiana con packaging in bamboo.

sdr
Omorfee

Novità anche in casa Delidea, con tutto l’alfabeto nelle creme: BB, CC, DD, EE. La EE non la conoscevo ancora ed è un’esfoliante, di cui ho un campione che proverò quanto prima, perché sono davvero curiosa.

dav
Delidea

BadeFee ha sempre packaging fantastici, ma non vende in fiera e mi fa quasi innervosire vederli per il 5° anno di fila senza poter provare niente di loro. Non dico che voglio un omaggio, ma almeno comprare.

dav
BadeFee

Resto in ambito saponi per parlare di un’azienda che mi ha attirata molto ovvero Lime Fresh, una sorta di Lush greco un po’ più economico. Producono saponi, ballistiche e maschere fresche. Vendono principalmente nella penisola balcanica, tra Grecia, Albania e limitrofi. La domenica sera sera abbiamo potuto comprare due saponi a forma di lecca-lecca.

Restando sempre in zona ellenica, un altro marchio carino proveniente da Creta è Rizes, che fa prodotti a base di olio d’oliva, come pure Olivella.
Sempre nel reparto bio, che si conferma essere il padiglione più bello di tutta la fiera, sono stata molto colpita anche dallo stand godurioso di Natura Siberica, che produceva uno scrub ai frutti di bosco, che faceva venire voglia di mangiarlo, e da Winnie’s che ha prodotto una linea di prodotti per la persona, oltre a quelli per la cura della casa

sdr
Natura Siberica
Winnie's
Winnie’s

Madara e Mossa sono due marchi della stessa azienda che non conoscevo e che ci hanno mostrato i loro prodotti; il primo è un brand di fascia alta, di cui abbiamo alcune creme colorate in prova, mentre il secondo è un brand di fascia più bassa, con profumazioni fruttate e packaging colorati.

Tra i vari appuntamenti che avevamo in fiera in quei due giorni, due o tre sono particolarmente degli di nota. Il primo è Bioline, presso il cui stand abbiamo potuto vedere la nuova collezione dedicata ai professionisti dell’estetica. Di particolare interesse per me è la linea di solari, a partire da spf6 fino a spf30 per il corpo e spf50+ per il viso, accompagnati da una linea di creme per preparare la pelle al sole e per idratarla correttamente dopo l’esposizione, non solo nell’immediato, ma anche nelle settimane successive. Ci hanno omaggiato di un solare spf30 per il corpo e una crema defaticante per le gambe, oltre a parecchi campioncini delle creme per preparare l’abbronzatura.

Il secondo appuntamento di rilievo era da Kryolan, dove le truccatrici dell’Accademia MIMUA di Lecce ci hanno truccate, rendendoci photoshoppate naturalmente.

dav
Kryolan
Elisa dell'Accademia MIMUA-Lecce
Elisa dell’Accademia MIMUA-Lecce
fbt
Io e Franci con gli occhiali da porno-prof a fare facce strane davanti a una porta a vetri per sfruttarne la luce

Ci hanno dedicato un’oretta del loro tempo, truccandoci e omaggiandoci con alcuni dei loro prodotti, nello specifico:

  • Kryolan – Rossetto matt Rhea (valore 20.50€)
  • Kryolan – Rossetto sheer Keira (valore 20.45€)
  • Kryolan – Proliner Black (valore 23.15€)
  • Kryolan – Illuminante Cashmere (valore 18.75€)

Nessuna novità particolarmente degna di nota a parer mio nel reparto unghie. Abbiamo visto la collezione nuova dei marchi più importanti, tra cui Faby, dove abbiamo avuto un kit di smalti in omaggio.

dav
Faby

Quest’anno i prodotti per capelli sono quelli che hanno avuto la prevalenza.

Infatti uno dei nostri appuntamenti era dalla PR di Elgon, dove ci hanno spiegato tutte le novità e per noi blogger era previsto un bellissimo kit composto da:

  • Elgon – Shampoo Ritualiss Haircare 250ml
  • Elgon – Balsamo Ritualiss Haircare 250ml
  • Elgon – Kit IMAGEA Essential shampoo 50ml + Essential hair balm 50ml
  • Elgon – IMAGEA mettere capelli leave-on anti-inquinamento, umidità e raggi UV (150ml)

A cui io ho aggiunto l’acquisto di tre maschere colorate per capelli, nei colori beige chiaro C/23, dorato rame C/34, viola pastello C/071.

Da Amika ho acquistato a un ottimo prezzo un kit composto da:

  • Amika – Shampoo Triple Rx
  • Amika – Balsamo Triple Rx
  • Amika – Maschera Triple Rx

Questi tre prodotti in una deliziosa pochette coloratissima a soli 25€! Il valore della sola maschera è attorno ai 40€, circa 15€ lo shampoo e 25€ il balsamo.

Da Alfaparf ho partecipato a un gioco e stranamente ho vinto! Il premio era composto da shampoo e maschera personalizzati, insieme a una borsa argentata chiusa con cerniera, che ci ha accompagnate per tutta al giornata di domenica. I prodotti che ho vinto invece sono:

  • Alfaparf – Shampoo delicato nutriente ai semi di lino
  • Alfaparf – Maschera capelli nutriente personalizzata tonalizzante, per capelli biondi.

Davines, come lo scorso anno, dava il suo shampoo con la fragranza personalizzata, a cui però quest’anno aggiungeva una maschera capelli coordinata col profumo scelto.

Nello stand russo conosciuto lo scorso anno, e di cui non riesco a riscrivere il nome cirillico, ho acquistato 3 pezzi per solo 10€ e nello specifico quest’anno ho deciso di evitare di prendere lo scrub, dato che ho ancora quello dello scorso anno da utilizzare e ho preferito comprare: un’acqua micellare, un olio doccia karitè e un siero stimolatore di crescita.

I prodotti per la cura dell’uomo anche quest’anno erano presenti, ma in maniera meno invadente rispetto allo scorso anno.

A parte Lamborghini, con la sua vettura arancione opaco che era una delle cose più belle viste in fiera, gli altri marchi proponevano principalmente prodotti per la cura della barba.

dav
Lamborghini Men
dav

Direi che ho finito la carrellata di informazioni. Sicuramente non appena pubblicherò l’articolo mi ricorderò che mi sono dimenticata di raccontare qualcosa, ma sopravviverete. Vi lascio con la foto di tutti i prodotti con cui sono tornata a casa.

♥️♦️ Baci ♣️♠️

Annunci